domenica 23 dicembre 2012

AUGURI SLOW

A tutti i nostri soci/e, ex soci/e, futuri/e soci/e, simpatizzanti, amiche e amici, produttrici e produttori, ristoratrici e ristoratori, negozianti, commercianti, insegnanti, studentesse e studenti...
ai nostri presidi e comunità del cibo...
ai nostri contadini resistenti...
ai nostri volontari...
a chi ci è vicino...
a chi si è allontanato...
a chi si avvicinerà...
a chi siamo vicini...
La condotta Slow Food di Parma
AUGURA UN BUON NATALE
e vi invitiamo a vedere una breve visione, Terra Madre Story
 

sabato 15 dicembre 2012

Mercato della Terra a Colorno
domenica 16 dicembre
Concludiamo la settimana del Terra Madre Day con l'edizione del Mercato della Terra.
Domenica mattina sotto i portici del Comune di Colorno troverete i nostri produttori presso i quali è possibile fare una spesa che non solo è Buona Pulita e Giusta, ma come ne abbiamo discusso lunedì 10, riduce l'impatto sul Clima e produce meno rifiuti.
 
Venite a trovarci, ci scalderemo con un Vin Brulè biologico preparato dalla condotta di Parma e la PRoLoco di Colorno.
Saluti Slow a tutti.
 
P.S oggi pomeriggio siamo alla tradizionale fiaccolata contro gli impianti di Incenerimento
 

venerdì 7 dicembre 2012

BANCHETTO INFO E PASTA MADRE
 
Domenica 09 dicembre 2012
via Mazzini n° 2 PR

 

con omaggio di
 
Buon
 
 

sabato 1 dicembre 2012

CIBO CLIMA RIFIUTI
In questi giorni a Doha si sta parlando di Kyoto 2 ma l'attenzione è rivolta ai temi della Crisi economica.
              Slow Food Parma prova a parlare di Clima partendo da uno dei piaceri della vita, il Cibo, senza dimenticare un tema sempre di attualità come i Rifiuti.
              E la Crisi economica ?
              Siamo convinti che NON sarà possibile uscirne se NON prendendo "un'altra" strada.
              Parlando di Cibo Clima Rifiuti indichiamo anche quale potrebbe essere "questa" altra strada...



 

lunedì 26 novembre 2012

il Suino Slow... e Nero

giovedì 15 novembre 2012


Domenica 18 novembre sotto i portici del comune di Colorno, in concomitanza con Bollicine Mon Amour
l'edizione del Mercato della Terra propone una spesa con prodotti sostenibili, rispettosi del territorio e delle tradizioni.
Ospite di questa edizione, l'associazione Libera con i prodotti provenienti dalle terre confiscate alle mafie.
 
Troverete inoltre, salumi di suino nero di Parma, Parmigiano Reggiano delle vacche rosse, Mieli biologici, Vini biologici, Pane con pasta madre e biscotti entrambi da farine macinate a pietra (mulino ad acqua), formaggi di capra e pecora biologici, ortaggi bio, frutta antica, confetture, sottoli, funghi e castagne, il caffè torrefatto a bassa temperatura del presidio Slow Food di Huehuetenango, patate bio, zucche, saponi e creme naturali, manufatti in ceramica Gres.
Ospite il testarolo della Lunigiana, da provare condito con olio extra vergine, Parmigiano Reggiano e cavolo nero scottato e passato in padella con uno spicchio d'aglio.
Il Mercato della Terra e la Condotta Slow Food di Parma aderiscono alla
settimana Europea per la riduzione dei rifiuti - Rifiuti + Benessere in 10 mosse
 

 
 
 

domenica 11 novembre 2012

 
Nella giornata...
Tutti pazzi per il Tortel Dols
I Mercati della Terra Regionali; Bologna, Reggio Emilia, Colorno
 
Nella giornata...
Incontro fra Emilia, Abruzzo, Giappone
La Legalità nel piatto (perchè non si può ricostruire senza legalità)
 
Nella giornata...
La pecora Cornigliese ed i manufatti in Lana
 
Nella giornata...
I grani antichi e i Pani Biodiversi
I microbirrifici
 
  
 
 

venerdì 9 novembre 2012

La Task Force "liberi da ogm" fa tappa a Parma

giovedì 1 novembre 2012

Visita in tartufaia con pranzo
posti esauriti

mercoledì 31 ottobre 2012


Il Salone del Gusto e Terra Madre 2012 della condotta di Parma

Cosa abbiamo portato :

La comunità del cibo “La confraternita del Tortel Dols” con degustazione preparata dal cuoco del ristorante Al Vedel.

Cesti di prodotti per adornare lo stand regionale ed accompagnare le degustazioni offerti da; vini Crocizia, Cunial, Donati, Lamoretti, birre Panil e del Ducato, aziende agricole Barbieri, Cà Stocchi, Manghi Armanda, La Giustrela, La Calendula, Villargine, San Paolo, artigianato Robert Cross.

I cesti sono ritornati rigorosamente vuoti... ma pieni di ringraziamenti e complimenti...

Di cosa abbiamo parlato :

Del Mercato della Terra di Colorno con l'apicoltrice Manghi Armanda che, in rappresentanza dei produttori, ne ha discusso insieme ai referenti dei MdT di Bologna e Reggio Emilia.

All'interno del dibattito “Vivere in appennino” presentazione del progetto Pecora Cornigliese con degustazione preparata dal cuoco dell'osteria La Stazione di Felino ed esposizione di manufatti in lana a cura dell'associazione Arcadia.

Le conferenze che abbiamo ascoltato :

Rinnovabili a che prezzo?

Territorio Zero.

Il clima a tavola.

Diritto al cibo, come si fa.

Sementi, dove si inizia?

Salviamo il paesaggio, difendiamo i territori.

Senza api non c'è futuro.

Fame di terra (Land Grabbing).

I futuri possibili.

Congresso internazionale con l'intervento di 90 delegati (su 650 partecipanti) in rappresentanza di 50 paesi (su 95 presenti).

Alcune frasi annotate dalle conferenze:

La strategia energetica nazionale. Un documento di 120 pagine che non contiene una riga sul conflitto fra energia ed agricoltura...

emissione media di CO2 per un bovino (intensivo) del Nord America, 4.000kg/anno. In Africa (pascolo) 1.500kg/anno...

...per ricavare 1 unità energetica dalla carne occorre immetterne 14, per ricavarne 1 dai vegetali occorre immetterne 0,7...

...non possiamo più accettare centrali a biomassa se non soddisfano di base i seguenti requisiti; valorizzazione dei terreni, degli scarti di lavorazione, della filiera corta...

...se il 2% dei cinesi e degli indiani volessero mangiare la stessa quantità di carne che mangiamo noi il pianeta salterebbe...

...la FAO afferma che non c'è un problema di domanda di cibo ma di domanda di agricoltura (biocarburanti e biomasse)...

...nella mia regione ci sono i Totem alla stupidità (le pale eoliche ferme)...

...abbiamo una ricchezza enorme, la risulta delle attività umane (i rifiuti)...

...in Italia abbiamo installato quasi il doppio della potenza (in MW) richiesta...

...spendiamo di più in diete dimagranti che in acquisto di cibo...

...il 99,9% della comunità scientifica concorda sui cambiamenti climatici...

...è la prima volta nella storia che abbiamo la capacità di fare degli scenari e proporre soluzioni...

...se la gastronomia diventa così pervasiva ed invasiva si trasforma in pornografia...

...la visione olistica è propria delle Donne, degli Anziani, dei Contadini, degli Indigeni. Ed il nostro modello li ha messi in fondo...

...il Suolo viene prima dei semi, prima del cibo e prima dei produttori...

Alcune frasi annotate al congresso:

...la normale quotidianità dell'uomo sta causando la 6° estinzione di massa (la 5° è stata quella dei dinosauri)...

...dati della FAO confermano la perdita del 75% delle varietà vegetali...

...i coltivatori familiari dell'Ecuador producono il 60% del cacao mondiale. E continuiamo a considerarli “piccoli” produttori?...

...nello stesso evento abbiamo le bandiere di Iraq, Iran, Israele e Palestina...

...un sudamericano ha il dovere di parlare di ogm... sono la 1° causa di problemi di salute nei nostri paesi...

...vengo da una regione dove Terra Madre è violentata tutti i giorni...

...abbiamo fatto un contratto fra 60 contadini e la nostra compagnia area per i pasti della classe business...è il più grosso e veloce mercato contadino...

...ci vuole un villaggio per crescere un bambino...

...siamo sotto occupazione, ci hanno occupato la terra, ci rivendono la nostra acqua, ci fanno dumping sui prezzi...
 
...siamo individui e non governi... il cibo è in grado di unire...
 
...al lunedì facciamo la festa alimentare senza carne...

...il contadino è un artista che fa arte con la madre terra...

...nella mia lingua Terra e Donna sono due ideogrammi quasi identici...

...siamo riusciti ad inserire nella costituzione “un paese libero da ogm” e la Madre Terra ha valore giuridico e va tutelata (Ecquador)...

...proponiamo i semi come patrimonio dell'umanità...

...sono nata (Birmingham, Alabama) in una famiglia che non “apprezzava” il 75% degli abitanti. Per questo sono qui a parlare della Giustizia sociale di Slow Food...

...ho salutato in Gaelico, la lingua indigena della Gran Bretagna...

...l'esercito fa strage di civili...noi andiamo nelle scuole a fare gli orti...

...da noi cibo e medicina sono la stessa cosa...

...Terra Madre indigeni, abbiamo un logo tutto nostro... siamo tutti insieme e non siamo più invisibili...

...uscirà a breve il rapporto IPCC che conferma l'aumento di 4°C entro il 2050... possiamo solo mitigare gli impatti e lo possiamo fare solo con la biodiversità...

...siamo stati derubati del diritto al nostro futuro...

da noi il diabete e l'ipertensione erano sconosciuti...

...riportare le persone a vivere la campagna...

...salvaguardare le sementi per mantenere la nostra dieta tradizionale e completa, risolvendo il problema dell'obesità...

...il programma orto è una vera attività pedagogica...

...due catene di supermercati controllano l'85% del cibo venduto nel mio paese...siamo la prova del fallimento del sistema agroindustriale...

...il 20 e 21 aprile facciamo la festa delle nonne...

...vengo dall'ombelico del mondo ed il nostro cordone ombelicale è questo seme di frumento che ha 12.500 anni...

...il documento “La centralità del cibo”, consideriamolo un documento di lavoro quotidiano...

...abbiamo fatto una proposta di legge per etichettare gli alimenti che contengono ogm...

...il mondo ha parlato a Slow Food... Slow Food ha parlato al mondo...

martedì 23 ottobre 2012

BLOG CHIUSO PER SALONE...
Vi aspettiamo tutti a Torino
 
 
 
 
 

venerdì 19 ottobre 2012


La “Slow” Food Valley vista dalla condotta di PR

Il luogo dove si “parla” con il cibo, chiedendogli da dove arriva, chi lo ha coltivato, allevato o pescato, ed in che modo, quanti rifiuti ha prodotto e quanta acqua ha sprecato e CO2 emesso.

Il luogo dove “il cibo” è al centro e dove la cooperazione, fra chi lo produce e chi si alimenta con esso, ha come obiettivo la sostenibilità a lungo termine, nel rispetto e nel ripristino degli equilibri biologici e degli ecosistemi.

Il contadino della “Slow” Food Valley oltre a produrre “Il Cibo” svolge alcuni servizi fondamentali per la comunità e l'ambiente. Fare agricoltura significa curare e preservare il territorio, ripristinare e mantenere i suoli fertili, gestire le acque, salvaguardare la biodiversità, tramandare i saperi e le tradizioni. Un sistema di incentivazione intelligente associato al risparmio ottenuto con la prevenzione territoriale, rispetto ai costi delle emergenze, serve a remunerare questi servizi che non possono essere chiaramente retribuiti dal cibo.

Il contadino della “Slow” Food Valley è libero di scambiare e coltivare le sementi patrimonio della biodiversità, che insieme all'acqua ed alla qualità dell'aria sono parte fondamentale dei diritti primari. Gli ogm, non potendo coesistere con le varietà autoctone, ledono questo diritto.

Le aziende agricole della “Slow” Food Valley sono autosufficienti dal punto di vista energetico, con il fotovoltaico sui tetti, con il solare termico, con il mini eolico. Se l'azienda ha una stalla di dimensioni adeguate è dotata del proprio impianto di biogas che ne utilizza (solo) le proprie deiezioni, e successivamente separa, tratta, depura il digestato per ridurre il carico di azoto sui terreni. Se la stalla è troppo piccola, sarà parte della comunità “produttori di letame” che con l'arte di fare il cumulo valorizza questa importante fonte di fertilizzante per i terreni.

La comunità della “Slow” Food Valley mantiene la sua sovranità alimentare e riconosce il giusto prezzo al cibo considerandolo un alimento e non un prodotto di consumo. Contribuisce alla salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità alimentandosi con poca e buona carne delle nostre razze autoctone allevate in modo sostenibile, ed utilizzando tante varietà di prodotti locali, di stagione, poco raffinati, prodotti a basso impatto ambientale.

I consumatori della “Slow” Food Valley sanno che ogni acquisto è un atto politico oltre che agricolo.

Le industrie della “Slow” Food valley investono in processi industriali che alleggeriscono il carico inquinante, in rispetto alla direttiva Europea 92/62/CE (attuata con il Dlgs351/1999) dove all'articolo 1 stabilisce: “mantenere la qualità dell'aria, laddove è buona, e migliorarla negli altri casi”.

Le università, le aziende agricole, le industrie, i consorzi di tutela dei prodotti tipici, le associazioni, le istituzioni, i cittadini della “Slow” Food Valley lavorano in rete per la strategia “Rifiuti Zero”. In rispetto non solo delle recenti normative Europee, ma soprattutto delle “recenti” e “prossime” generazioni. Ed in rispetto dei numerosi posti di lavoro della filiera del Riciclo e del Recupero dei Materiali.

I costruttori della “Slow Food Valley non consumano territorio ma ristrutturano e/o ricostruiscono con l'obiettivo primario del risparmio energetico e della prevenzione antisismica.

Nella “Slow” Food Valley si parla di DAC, il marchio regionale di Denominazione d'Ambiente Controllata. E si pensa all'ambiente, al territorio, al paesaggio come parte del tutto, che in biologia si definisce Biosfera ed al centro del quale produciamo il “nostro” cibo Buono Pulito e Giusto.

Nella “Slow” Food Valley il turismo enogastronomico, storico ed ambientale, è una fonte di reddito importante e valorizzato e contribuisce a diffondere il “Diritto al Piacere”.

Nella “Slow” Food Valley i boschi fanno ombra ed ospitano biodiversità, e la certificazione della CO2 trattenuta compensa altre emissioni che la tecnologica non consente ancora di ridurre.

La “Slow” Food Valley è parte di Terra Madre ed ha bisogno di tutti NOI

giovedì 18 ottobre 2012


Domenica 21 ottobre ricca di motivazioni per recarsi al Mercato della Terra a Colorno :

Saranno presenti i “nostri” produttori Slow selezionati da un rigido disciplinare dove rispetto per l'ambiente, il benessere animale e le buone pratiche agricole sono osservate con scrupolo. Le aziende virtuose esporranno i propri prodotti e parleranno di come sono coltivati ed allevati fornendo consigli per degustare e cucinare al meglio ciò che si è acquistato.

Si potrà comprare Miele Biologico, Salume di maiale nero di Parma, Formaggi di capra, pecora, mucca biologici, Uova dal guscio bianco di Livornese, Pane con pasta madre e biscotti, Mele e Pere antiche, Verdura e Ortaggi biologici, Funghi Noci e Castagne di Bardi, Torte e Tortelli di zucca, Vini biologici e per la parte artistica Ceramiche Raku. Ospite dal MdT di Sarzana il Testarolo della Lunigiana.

Ospite prezioso l'associazione “Libera” sezione di Parma che illustrerà le finalità di cui si occupa sia a livello nazionale che sul territorio della provincia. Oltre ai prodotti ricavati dalle terre confiscate alle mafie i volontari apporteranno le testimonianze dei giovani che ogni giorno contribuiscono con determinazione e coraggio a contrastare la criminalità organizzata. Un incontro ed una presenza quanto mai appropriata dopo il recente episodio della busta recapitata al Sindaco ed alla Polizia municipale di Colorno.

La condotta di Parma presenterà il programma di Slow Food ER al salone del gusto che inizierà giovedì 25 ottobre.

Un'opportunità per regolarizzare le tessere socio per accedere alla scontistica prevista per il salone di Torino.

Vi aspettiamo e aggiungiamo un link ad una bella storia Territori al bivio di Roberto Burdese.

lunedì 15 ottobre 2012

16 ottobre 2012 giornata mondiale dell'alimentazione
Per ricordare che con l'attuale modello agricolo al mondo ci sono :
 
850 / 950 milioni di individui che soffrono di gravi carenze nutritive.
1 / 1,4 miliardi di individui che soffrono di gravi patologie dovute ad eccesso di alimentazione.
1/3 del cibo prodotto viene sprecato/gettato (media annua in Italia 149Kg pro capite).
 
Le nostre "piccole" scelte individuali possono apportare il loro "piccolo" contributo...
 
il modo in cui mangiamo
determina in misura considerevole
il modo in cui si usa il mondo
il poeta contadino Wendell Berry
 

giovedì 4 ottobre 2012

Domenica 07 ottobre
una intera giornata con il
Cibo Buono Pulito e Giusto
che preserva la biodiversità
... L'impegno nel trasmettere alle nuove generazioni il sapore e l'arte della preparazione di questa tradizionale ricetta si affianca alla volontà di favorire iniziative in campo agricolo per la coltivazione locale degli ingredienti che stanno alla base del Tortél Dóls: cocomeri da mostarda, mele cotogne e pere nobili.

 
Insieme alla Comunità del Cibo del Tortel Dols, che porteremo al Salone del Gusto,
edizione speciale del Mercato della Terra
I produttori del Mercato della Terra e la Condotta Slow Food di PR partecipano alle

domenica 30 settembre 2012


PANE CHE PASSIONE
la lenta, pacifica, piacevole Rivoluzione inizia dal pane


sabato 15 settembre 2012

 
APPUNTAMENTO CON IL MERCATO DELLA TERRA DI SLOW FOOD DAVANTI ALLA REGGIA DI COLORNO DOMENICA 16 SETTEMBRE DALLE 9 ALLE 14.

SARANNO PRESENTI PRODUTTORI DI MIELE BIOLOGICO, PARMIGIANO REGGIANO DELLE VACCHE ROSSE, FORMAGGI DI CAPRA BIO, FORMAGGI DI LATTE VACCINO BIO, FRUTTA E VERDURE, SALUMI DI SUINO NERO DI PARMA, PANE FOCACCIE E BISCOTTI CON LIEVITO MADRE, VINO BIOLOGICO, MANUFATTI CON LANA DI PECORA CORNIGLIESE.

SOTTO I PORTICI DEL COMUNE SI SVOLGERA' LA FESTA DELL'ANPI, PER RICORDARE I PARTIGIANI.
 
VI ASPETTIAMO PER FARE ACQUISTI GENUINI DI PRODOTTI DEL TERRITORIO E PER FARE DUE CHIACCHERE PRESSO IL BANCHETTO DI SLOW FOOD.

venerdì 24 agosto 2012

Slow Food PR alla festa ANPI delle sezioni Pedemontana Parmense

Tutte e tre le serate saremo presenti con un punto informativo/associativo ed insieme a noi saranno presenti Libera Terra ed Emergency.
Venerdì sera...

giovedì 12 luglio 2012

Per una spesa consapevole ed a bassa impronta ecologica occorre“chiedere” al tuo cibo... da dove arriva, chi lo ha coltivato, allevato o pescato, ed in che modo... Al Mercato della Terra diColorno se “chiedi” al tuo cibo troverai i nostri produttori che con passione ti parleranno di “lui” e di “loro”.

E troverai esposto una scheda con descritto la filiera e le pratiche agronomiche sostenute dai singoli produttori.

Il mercato è anche un momento di incontro con la condotta Slow Food di PR, sempre a disposizione per info sulle varie tematiche affrontate dalla nostra associazione. Se poi vuoi iscriverti e/o rinnovare l'iscrizione... fai pure... siamo lì anche per quello.

Ti aspettiamo

martedì 10 luglio 2012

Vi invitiamo a visitare le nostre Osterie Slow "anche" per dare una mano ai nostri vicini colpiti dal terremoto.
Attualmente hanno aderito :
da Romeo, località al Botteghino, v. Traversetolo 185/a PR
Lo Scalocchio, Castione Baratti
da Vigion, Ghiare di Corniglio
per maggiori informazioni contatta direttamente le Osterie o scrivi alla condotta Slow Food di Parma. 

domenica 24 giugno 2012

Mercoledì 20 giugno ore 21,00
presso la polisportiva “il Castelletto”
via Zarotto 39 PR
Con la presenza dell'assessore all'ambiente del comune di Parma, Gabriele Folli
Nella giornata di avvio della conferenza mondiale RIO+20
Transizione verso un'economia verde nel contesto dello sviluppo sostenibile e della riduzione della povertà”
nel nostro piccolo e nella nostra semplicità abbiamo deciso di organizzare una serata dedicata alla “Rivoluzione con il cibo”.
Una Lenta, Pacifica, e Piacevole Rivoluzione che parte dal Naso... ed arriva a “parlare” con il cibo, chiedendogli da dove arriva, da chi è stato coltivato, allevato o pescato ed in che modo.
Il cibo, “uno” dei piaceri della vita.
Non può esserci però un “sano” piacere se inconsapevolmente queste azioni contribuiscono ad alterare il clima, producono ingenti quantità di rifiuti, inquinano l'ambiente ed il nostro organismo, non rispettano il lavoro di chi ostinatamente produce un cibo che sia “alimento” e non un oggetto di consumo.
Serata libera.
Chi si prenota riceverà in omaggio la mini guida
Fulmini e Polpette
per una dieta amica del clima
Antonella 333 2929120


Cibo e clima, un binomio inscindibile

Mercoledì 20 giugno inizia a Rio de Janeiro la conferenza mondiale RIO+20, dove 100 capi di stato e 50mila delegati parleranno della “Transizione verso un'economia verde nel contesto dello sviluppo sostenibile e della riduzione della povertà”.

Al meeting sarà presente anche una delegazione di Slow Food, mentre Carlin Petrini è stato invitato dal governo brasiliano all'incontro ufficiale “Dialogo per lo sviluppo sostenibile sulla Sicurezza Alimentare e la Nutrizione”, le cui conclusioni costituiranno un contributo importante alla conferenza dei capi di stato.

Nel nostro piccolo e nella nostra semplicità anche noi possiamo dare il nostro contributo allo sviluppo di una economia sostenibile..

Così la condotta Slow Food di Parma ha deciso di organizzare una serata dedicata alla “Rivoluzione con il cibo”. Una lenta, pacifica, e piacevole rivoluzione che parte dal naso ed arriva a “parlare” con il cibo, chiedendogli da dove arriva, da chi è stato coltivato, allevato o pescato ed in che modo. Un viaggio che ci porta a scoprire e conoscere chi ci dà le risposte, in modo da diventare parte attiva e trainante dei cambiamenti in atto.

Fare la spesa quotidiana, andare al ristorante o in agriturismo, organizzare la cena sociale della propria associazione, preparare una cena fra amici o una cena romantica. Queste sono tutte azioni del nostro quotidiano che fanno parte dei “piaceri” della vita.

Non può esserci però un “sano” piacere se inconsapevolmente queste azioni contribuiscono ad alterare il clima, producono ingenti quantità di rifiuti, inquinano l'ambiente ed il nostro organismo, non rispettano il lavoro di chi ostinatamente produce un cibo che sia “alimento” e non un oggetto di consumo.

La serata dedicata alla rivoluzione con il cibo si svolgerà il 20 giugno alle 21 presso la polisportiva Il Castelletto. Un viaggio dentro noi stessi, per far emergere la nostra anima verde.

Vi aspettiamo

“La rivoluzione con il cibo”

Mercoledì 20 giugno, ore 21.00

Polisportiva “Il Castelletto”, via Zarotto 39, Parma.

La condotta Slow Food di Parma.

Mercato della Terra 17 giugno 2012

Mercato della Terra a Colorno, domenica 17 giugno dalle 9.00 alle 14.00
Per una spesa consapevole ed a bassa impronta ecologica occorre “chiedere” al tuo cibo... da dove arriva, chi lo ha coltivato, allevato o pescato, ed in che modo... Al Mercato della Terra di Colorno se “chiedi” al tuo cibo troverai i nostri produttori che con passione ti parleranno di “lui” e di “loro”.
Edizione ricca di contenuti e significati, la condotta Slow Food di PR espone una mostra di “grani antichi” e portando un contenitore da casa riceverai in dono la nostra pasta madre (http://www.pastamadre.net/) con la quale puoi auto produrre il “tuo” pane in casa.
Portando un contenitore da casa riceverai in dono la nostra pasta madre con farina biologica con la quale puoi auto produrre il tuo pane in casa. In questa occasione la condotta Slow Food di PR raccoglierà le offerte per i terremotati emiliani.
Se porti un vasetto riceverai in dono la nostra pasta madre con la quale puoi autoprodurre il “tuo” pane in casa. E' un ottima occasione per una piccola donazione per i terremotati Emiliani.
Per l'occasione verrà allestita un'esposizione di grani antichiA DI PARMA
Antonella 333 2929120 - slowfoodparma@gmail.com
www.emiliaromagna.slowfood.it/sito-della-condotta-di-parma – www.slowfoodparma.blogspot.com

sabato 9 giugno 2012

Cena Osteria Trattoria "Masticabrodo"



a cena all'osteria trattoria
MASTICABRODO
MERCOLEDI' 13 GIUGNO, ore 20,30

MENU'
ANTIPASTO
POLENTA CROCCANTE CON LONZA STAGIONATA

PRIMI PIATTI
GNOCCHI DI PATATE CON MELANZANA POMODORO
E ORIGANO FRESCO

TAGLIATELLE INTEGRALI SALSICCIA E FUNGHI

SECONDI PIATTI
MAIALINO FARCITO AL FORNO CON COPPA DI MAIALE
“INSERITA”

DESSERT
ZUPPA INGLESE E SBRISOLONA

VINI
MALVASIA CAMILLO DONATI
LAMBRUSCO MARCELLO
PINOT NERO DALL'ASTA


Masticabrodo
Trattoria Osteria
Strada Provinciale per
Torrechiara, 45/a
Pilastro di Langhirano


il prezzo è 30 euro per tutti i soci Slow Food e 35 euro per i non soci
acconto di 20 euro da versare con bonifico bancario al momento della prenotazione:
c/c SLOW FOOD CONDOTTA DI PARMA
Via Vittorio Emanuele II, 11
43038 Sala Baganza PR
IBAN : IT94N0303212810010000004192


per prenotazioni e informazioni rivolgersi a Mario Ferri +39 348.736427



mercoledì 23 maggio 2012

Slow Food Day: sabato 26 in Piazza Ghiaia a Parma



A Parma ci trovate in piazza Ghiaia dalle 10,00 alle 13,30 e dalle 16,00 alle 19,00.
Nella zona ingresso del Mercato Coperto nello spazio dedicato ai dibattiti affronteremo il tema "Clima e cibo".
Sarà presente il coordinamento provinciale del forum nazionale "Salviamo il paesaggio, difendiamo i territori".

Al Piano -1 del Mercato Coperto sarà distribuita la pasta madre biologica per l'autoproduzione del pane in casa propria.

Durante la giornata sarà possibile iscriversi a Slow Food al prezzo speciale di € 25,00 e ricevere, oltre i tanti vantaggi riservati ai soci, 
la mini guida "Fulmini e Polpette" per una dieta amica del clima.


Le nostre scelte alimentari influiscono anche sul clima e sull'ambiente. 
Poniamo attenzione a cosa mangiamo e da dove proviene il cibo che ci nutre. Scegliamolo, quando possibile, coltivato e allevato nel nostro territorio di riferimento, con un occhio di riguardo alle produzioni che praticano metodi di coltivazione rispettosi dell'ambiente e degli animali. 
Leggiamo attentamente le etichette che possono dirci molto su come è composto un certo alimento.
Partecipiamo ai Master of Food e ai Laboratori del Gusto organizzati dalle Condotte Slow Food di riferimento per migliorare le proprie conoscenze sull'alimentazione (vi ricordiamo quello di stasera, 23 maggio, sul gelato!).
Facciamo acquisti sostenibili al Mercato della Terra che ogni terza domenica del mese la Condotta di Parma di Slow Food organizza a Colorno, dove l'agricoltura di piccola scala è valorizzata e dove è presente un cibo buono, pulito e giusto.

Link:
Slow Food Day
Fulmine e Polpette
Slow Food e RIO+20



mercoledì 2 maggio 2012

Master of Food: il Gelato

Per rinfrescarsi le idee cosa c'è di meglio del gelato?

Com'è nato il gelato e perché è famoso in tutto il mondo? 
Com'è fatto? Come posso riconoscere la qualità?

Se sei curioso e vuoi dare una risposta a queste domande, ma soprattutto non vuoi lasciarti scappare un'esperienza sensoriale unica non puoi mancare al Master of Food sul Gelato, un incontro per stuzzicare sia i vostri sensi sia la voglia di saperne di più, dove piacere e conoscenza sono gli ingredienti principali.

Un viaggio affascinante che parte da lontano per avvicinare in maniera slow all'educazione alimentare e del gusto e alla storia e alla cultura della gastronomia.
  
Una degustazione guidata di sorbetti e gelati, alcuni dei quali hanno come materia prima prodotti e progetti straordinari come quelli dei presidi Slow Food.




E' possibile pagare anticipatamente versando il costo della serata sul conto della condotta di Parma:
IBAN IT94N0303212810010000004192

Conto intestato a :
SLOW FOOD CONDOTTA DI PARMA
VIA VITTORIO EMANUELE II 11, 43038 SALA BAGANZA (PR)




venerdì 13 aprile 2012

COMUNICATO STAMPA MANIFESTAZIONE NAZIONALE

martedì 3 aprile 2012

2° MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER L'AMBIENTE E PER LA SALUTE

QUESTO E' IL LINK PER TUTTE LE INFO UTILI SULLA MANIFESTAZIONE
RICORDIAMO A TUTTI LA CAMPAGNA SLOW KIDS!!



sabato 3 marzo 2012

CORSO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI

domenica 19 febbraio 2012

CORSO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE ANTICHE PRODUZIONI SALUMIERE


AGRIFORM S.r.l. in collaborazione con il Consorzio del Culatello di Zibello, la Strada del Culatello ed il Comune di Sissa
organizza

CORSO PER LA VALORIZZAZIONE DELLE 
ANTICHE PRODUZIONI SALUMIERE DI PARMA


Obiettivo: l’attività formativa, volta alla salvaguardia e alla valorizzazione delle produzioni tipiche locali, si propone l’obiettivo di creare figure specializzate nella lavorazione e conservazione delle carni suine attraverso la diffusione delle tecniche di produzione dei diversi salumi tipici della Bassa Parmense, formando nuovi e consapevoli “artigiani” del maiale, contribuendo al recupero dell’antico mestiere di norcino (o macellino) e promuovendo attività atte a favorire la conoscenza e l’apprezzamento dei prodotti tipici locali. Il percorso
formativo, pur privilegiando i metodi di lavorazione finalizzati alla produzione del Culatello di Zibello, prenderà in considerazione anche i processi produttivi relativi ad altri salumi tipici quali la Spalla Cruda, il Fiocchetto, il Salame, etc al fine di garantire il tramandarsi nel tempo di alcune delle antiche tradizioni gastronomiche su cui si regge l'economia locale.

Durata del corso: 80 ore (lezioni frontali, esercitazioni/dimostrazioni applicate).

Quota individuale di iscrizione: 168,00 € a partecipante

Sede dell’attività: Agriform S.r.l. – Strada Provinciale n. 38 – 43018 Sissa (PR)

Per informazioni
Agriform S.r.l. - Via Torelli, 17 – 43123 Parma (Pr)
Tel. 0521/244785 – Fax 0521/484020 – mail: agriform.coordinamento@provincia.parma.it

domenica 29 gennaio 2012

Terra Madre day 2011

Serata di presentazione delle guide Slow Wine e Osteria d' Italia 2012